Digrignare i denti fa male?

 In Informazione

Poche certezze e alcuni suggerimenti

Ad oggi, nonostante si legga e si senta molto sull’argomento, la valutazione e il trattamento del bruxismo, termine scientifico che indica il digrignare i denti, sono ancora in fase di studio e approfondimento.

Di certo si sa che, oltre a poter causare una diffusa erosione dei denti, il bruxismo è frequentemente associato ad altri sintomi, come dolori alla bocca o alla faccia, cefalea, disturbi del sonno. Si è dimostrato anche che lo stress o l’uso eccessivo di alcol e fumo possono peggiorarlo.

Per questo la valutazione del paziente deve essere molto accurata e il suo eventuale trattamento deve essere il meno invasivo possibile, assolutamente individualizzato e comprendere un approccio multispecialistico.

Quando preoccuparsi

Digrignare nel sonno è frequente sia nei bambini che negli adulti. Sfortunatamente l’80% degli episodi avviene senza rumori percettibili. Aggiungete poi che molti pazienti bruxisti non sviluppano dolore muscolare o altri sintomi, cosicché è probabile che molti di noi digrignino di notte senza saperlo.

Allora come fare? In occasione del controllo periodico o di una visita, segnaliamo sempre al dentista la presenza di:

  • digrignamento

  • dolori facciali

  • cefalee frequenti al risveglio

  • eccessiva sensibilità dei denti al caldo e al freddo, alle bibite acide

Che questi problemi si presentino assieme o isolati, a qualsiasi età, anche se occasionali.

Sarà lo specialista a consigliare l’opportunità di ulteriori approfondimenti.

Cosa si rischia

Le conseguenze più importanti e che richiedono un intervento sono l’usura dei denti, il dolore ricorrente alla bocca e le cefalee. E’ bene sapere anche che la presenza di bruxismo è un fattore che può peggiorare o scatenare dolori e disturbi ai movimenti dell’articolazione della mandibola.

Infine è sempre opportuno valutare anche la possibile compresenza di disturbi del sonno, di russamento e apnee ( OSAS ) , di acidità esofagea, tutti fattori che possono avere conseguenze anche gravi sulla salute generale.

Come intervenire

Il numero degli studi scientifici sull’argomento è ancora insufficiente per indicare con certezza quale tra i trattamenti proposti sia più efficace. E’ utile allora usare prudenza e orientarsi su terapie che siano meno invasive possibili e abbiano come obiettivo:

  • proteggere i denti ( utilizzo di bite)

  • contenere il dolore ( terapia farmacologica, fisioterapica )

  • ridurre lo stress ( supporto psicologico, modificare lo stile di vita)

  • eliminare i fattori peggiorativi come fumo, alcol, caffeina

Il trattamento del bruxismo quindi, può essere efficace solo quando è calibrato sugli effettivi disturbi del paziente e controllato nel tempo. Talvolta può richiedere anche l’intervento di altre figure specialistiche (otorinolaringoiatra, neurologo, psicologo) in grado di approfondire i disturbi eventualmente associati.

Bibliografia

Cochrane Database Syst Rev. 2007 Oct 17;(4):CD005514.

Occlusal splints for treating sleep bruxism (tooth grinding).

Macedo CR1, Silva ABMachado MASaconato HPrado GF.

J Orthod. 2013 Jun;40(2):163-71. doi: 10.1179/1465313312Y.0000000021.

A systematic review of etiological and risk factors associated with bruxism.

Feu D1, Catharino FQuintão CCAlmeida MA.

J Orofac Pain. 2012 Fall;26(4):267-76.

Topical review: sleep bruxism, headaches, and sleep-disordered breathing in children and adolescents.

Carra MC1, Bruni OHuynh N.

Sleep Breath. 2014 Feb 14. [Epub ahead of print]

Relationship between sleep bruxism and sleep respiratory events in patients with obstructive sleep apneasyndrome.

Hosoya H1Kitaura HHashimoto TIto MKinbara MDeguchi TIrokawa TOhisa NOgawa HTakano-Yamamoto T.

Post suggeriti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi