Sono la figlia di una paziente di 56 anni alla quale è stato consigliato e, successivamente, realizzato, il Columbus Bridge Protocol.

La scelta è avvenuta dopo un’accurata valutazione, radiografica e dello stato di salute, da parte del chirurgo e della sua Equipe di lavoro.

Attraverso queste poche righe colgo l’occasione, assieme a mia mamma,di ringraziare il Dott.Alberti Cristian, l’anestesista, le assistenti ed il tecnico, che con professionalità ed amore hanno saputo infondere serenità e coraggio nell’affrontare questa avventura.

Non nego che all’inizio ero un pò perplessa nella buona riuscita del lavoro. Come la maggior parte di tutti gli odontotecnici anch’io ho fatto fatica a dare spazio, nella mia mente, a nuove conoscenze e metodologie. A volte è più semplice coccolarci e fermarci a ciò che con sicurezza conosciamo, piuttosto che ammettere che la scienza sta progredendo e che ci sta proponendo anche soluzioni atte a migliorare ancora di più il nostro benessere fisico ed emotivo.

Quando si tratta di consigliare e guidare un nostro caro a scegliere sul come, tutto si mette miracolosamente in moto!!!!!

Si pensa e si riflette sui pro e i contro di ogni possibile via da intraprendere. Con tutto il cuore si vorrebbe donare speranza e il giusto e vero sorriso. In questo caso mi trovavo proprio la mia cara mamma da consigliare; ancora giovane e con tutto il diritto ed il piacere di esserlo; si sapeva che la fermata finale, se lo si voleva,era una protesi totale mobile superiore. Ma perchè arrivare già al finale?

Le statistiche erano positive; il dottore chirurgo aveva la giusta esperienza; le nozioni che avevo acquisito mi avevano convinto; il tecnico mi ha spiegato in dettaglio come sarebbe avvenuta la procedura riabilitativa ed infine il costo totale del lavoro era accettabile. E da lì si scelse la possibilità di riabilitare un’intera arcata con una protesi fissa avvitata. Mia mamma non vedeva l’ora di migliorare la sua situazione divenuta ormai insostenibile.

L’intervento e’stato eseguito nei primi giorni di giugno 2015 .

Mia mamma ha seguito con perseveranza i consigli del dott.Alberti, dalla dieta da assumere alle procedure di pulizia. E’stata controllata settimanalmente assieme anche poi a nuove radiografie.

Questo tipo di protocollo, per nostra esperienza, e’riuscito a soddisfare le esigenze funzionali ed estetiche. La mamma e’serena e più sicura di se stessa.

Grazie ancora al Dott Alberti e alla sua Equipe per averci consigliato il meglio.

Buon lavoro
Eva e Cinzia

  • Tutto ebbe inizio con uno spicchio di pizza, che mi costrinse a rinunciare definitivamente i miei incisivi; il ponte che da trent'anni li sorreggeva aveva ceduto. Prosegui la lettura

    C.S.
  • Dopo un lungo periodo di valutazione sui metodi più appropriati per risolvere il mio problema estetico e funzionale, con la sua professionalità il Dott. Alberti mi ha proposto il “Columbus Bridge Protocol”. Prosegui la lettura

    Mara
  • Mi chiamo Letizia è quello che sto per raccontare è una bella esperienza vissuta in uno studio dentistico, anzi, non studio dentistico qualsiasi, ma nello studio dentistico del dottor Alberti Christian. Prosegui la lettura

    Letizia
  • Sono la figlia di una paziente di 56 anni alla quale è stato consigliato e, successivamente, realizzato, il Columbus Bridge Protocol. Prosegui la lettura

    Eva e Cinzia
  • Avevo accettato tutto con la giusta filosofia del tempo che passa: rughe, qualche chilo in più, ma non potevo trovare l'accettazione della protesi rimovibile. Prosegui la lettura

    Anita
  • Dopo anni di avvilimento, un giorno sono entrata nello studio del dottor alberti. Ho ascoltato le sue franche parole, il tatto con cui le esprimeva e si e' riaccesa la speranza. Prosegui la lettura

    Graziella
  • Mi hanno invitato a raccontare l'esperienza che ho avuto eseguendo l'intervento bimascellare con il metodo Columbus Bridge protocol, consigliato ed eseguito dal dottor Christian Alberti. Prosegui la lettura

    Silvia
  • Abbiamo avuto da subito informazioni complete relativamente ai vantaggi e rischi riguardo all’intervento; completa disponibilità per i tempi di realizzazione. Prosegui la lettura

    Flavio e Gloria
  • Mi chiamo andrea, ho 48 anni, sono portatore di pace maker dal 03/2011. Prosegui la lettura

    Andrea
  • Il problema che mi ha portato allo Studio del Dottor Alberti era sia estetico che funzionale: era un disagio enorme avere i denti guasti che rovinavano il mio sorriso ma, soprattutto, non riuscivo quasi più a mangiare. Prosegui la lettura

    BN
  • Consapevole della situazione dentale, dopo vari consulti con specialisti, dal 2005 ho sempre tentennato, procrastinato e non agito. Ritenevo la chirurgia proposta “datata”, non attuale, invasiva e con timore che non possa essere risolutiva, dolorosa e prolungata. Prosegui la lettura

    Anonimo
  • Da paziente posso solo dire che questo tipo apparecchio funziona davvero e i fastidi svaniscono nel giro di 2/3 giorni, d'altronde la bellezza ha un prezzo. Prosegui la lettura

    Anonimo
  • ...volevo solo dirti che mi son trovata benissimo da voi! Anche se ho solo fatto una banale visita di controllo, Christian è stato bravissimo! Prosegui la lettura

    Martina
  • Colgo ancora l'occasione per ringraziare il dott. Alberti e tutto il suo staff. La mia Columbus oltre a darmi una bocca nuova mi ha dato una vita nuova... Prosegui la lettura

    Silvia

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi